Rassegna stampa del 19/09/2022

  • ottopagine.it — Donna muore per pronto soccorso chiuso, Muscarà: "Ennesima vergogna". La consigliera del gruppo misto: "I soldi ci sono sono per riaprire i Ps, nessuna risposta""


Rassegna stampa del 16/09/2022

  • CRONACHE DI CASERTA — L'organismo chiamato in causa dai capigruppo di opposizione ha raccolto i dati. Muscarà: "Un parere negativo sarebbe utile". Brucellosi, dossier sul tavolo della Consulta. La Regione invia le osservazioni a Forgiuele, momento chiave per il piano di De Luca
  • ottopagine.it — Napoli, è polemica sui semafori intelligenti: "Lo sono più di chi amministra..."


Rassegna stampa del 10/09/2022

  • CRONACHE DI NAPOLI — La scelta di Palazzo Chigi di non impugnare la nuova legge rende marginale l'Assise. E alimenta la tensione tra De Luca e Oliviero. Consiglio regionale "silenziato", allevatori delusi


Rassegna stampa del 08/09/2022

  • CRONACHE DI NAPOLI — I legali degli allevatori si appellano alla Consulta di Garanzia: la commissione è stata scavalcata. Brucellosi, iter illegittimo per il Piano


Rassegna stampa del 06/09/2022

  • ROMA — La denuncia. La consigliera Muscarà chiede un incontro in commissione Trasporti per discutere di una delocalizzazione. Capodichino, troppi voli: «È pericoloso»


Rassegna stampa del 03/09/2022

  • ottopagine.it — Caro bollette, Muscarà: Napoli la prima a scendere in piazza, non sarà l'ultima
  • istituzioni24.it — Campania, caro bollette. Muscarà: "Napoli scende in piazza, ma non sarà l'unica. La "bomba sociale" è pronta ad esplodere"


Rassegna stampa del 30/08/2022

  • ottopagine.it — Muscarà: "Stiamo sterminando le nostre bufale per interessi di terzi"
  • istituzioni24.it — Mattanza delle bufale campane. Muscarà: "Stiamo sterminando le nostre bufale per interessi di terzi, ora sembra esserci un finto interesse politico per le elezioni"


Rassegna stampa del 24/08/2022

  • ITALIA OGGI — Tra collera e dissapunto il mesto rientro a casa di chi tornerà in parlamento. Meno seggi e preferiti i fedelissimi dei leader. Molti i cancellati dalle liste elettorali. Gli esclusi: mesto ritorno a casa
  • ROMA — I consiglieri comunali di Napoli prendono le distanze dal coordinatore Martusciello: «Scelte non condivise» Candidati, i FI volano gli stracci. Scontro anche nel centrosinistra, Muscarà: Patuanelli e Franceschini cavalli di Troia


I candidati rifilati a Napoli. Arrivano i "cavalli di Troia"

Patuanelli e Franceschini si candidano al collegio di Napoli dopo averla boicottata per anni. Un cavallo di Troia per la città.

Il triestino (non per colpa) Patuanelli che ha boicottato spesso la città di Napoli, sminuendo anche il nostro oro nero il caffè napoletano per favorire la candidatura Unesco, e battendosi in favore del “suo” Illy di Trieste, si candida oggi al collegio di Napoli per i 5 stelle; bisogna avere proprio una faccia tosta!

Non possiamo neanche dimenticare che questo personaggio è tra i tifosi principali dell’autonomia differenziata, ossia la famosa “secessione dei ricchi”, che darà sempre più la possibilità di arricchire il nord, ed impoverire ancora il Sud.

La scelta dei collegi in giro per il Paese non è altro che la spartizione delle poltrone, si tratta chiaramente di nomi calati dall’alto che servono per raggiungere risultati elettorali e basta, non importa se un candidato sia nato e cresciuto a 1000 km di distanza i cittadini rischiano di votare persone neanche appartenenti alla propria regione, anche per l’abolizione delle preferenze.
Non dimentichiamo neanche il “caro” Franceschini, che dal profondo Nord pensa di mettere le mani sulla nostra città: difensore dello spostamento della biblioteca nazionale dalla reggia all’Albergo dei Poveri, un errore clamoroso; promotore degli spostamenti da ministro nel 2015 della collezione Farnese da Napoli a Parma, contrastato dalla sottoscritta e dalle associazioni dei Neoborbonici; non possiamo neanche dimenticare che l’anno successivo difese la proposta dell’assessorato alla Cultura del Comune di Comacchio, di spostare nella cittadina del Nord reperti archeologici di Ercolano appartenenti al Mann, proprio mentre la città vesuviana e Comacchio concorrevano per diventare capitale della cultura del 2018, infatti presenterò un’interrogazione in quanto non abbiamo più avuto aggiornamenti a tal riguardo.

Insomma, questi personaggi elogiano la città ma cosa hanno realmente fatto da ministri per cambiare le sorti dell’ex capitale del Regno delle Due Sicilie?