Leggo oggi, con non poca sorpresa, che finalmente dopo quasi due anni a Roma è arrivata la notizia dei rifiuti in Tunisia.
Dopo le sentenze del tar e del Consiglio di Stato.
Dopo che i giornali francesi ci hanno appellati nei modi più spregevoli.
Dopo l’arresto del ministro dell’ambiente tunisino e di numerosi funzionari tunisini.
Dopo l’incendio di parte dei rifiuti…
…ecco, anche la Commissione romana “vuole audire”.

Piuttosto che perdere tempo, e ne avete perso tanto, leggetevi le carte dei giornalisti che non si sono mai fermati, uno per tutti Pasquale Sorrentino, oppure leggetevi le interrogazioni fatte da me in questi anni.
Se poi è troppo faticoso leggere gli articoli e documenti ben riassunti da “l’internazionale o di “IrpiMedia” guardatevi Report o Rai news.

È davvero imbarazzante leggere che, dopo due anni, “andrete a fondo”.

Ecco lo spero davvero che andiate a fondo per il riscatto dei cittadini che vi hanno votati.
La terra dei fuochi esiste dentro e fuori la Regione, anche se i vostri omologhi hanno barattato l’opposizione per ruoli e poltrone.