Ad aprile dell’anno scorso contro la scellerata scelta (unica regione in Italia) di chiudere tutte le scuole, insieme a genitori ed avvocati, mi mossi per fare chiarezza sui dati che avevano portato alla scelta di chiusura.


Oggi la gravissima la sentenza del Tar che condanna le scelte di De Luca apre alla possibilità che i genitori facciano richiesta, in sede civile, di risarcimenti.
Le parole che accompagnano la sentenza sono una condanna senza scampo per il Presidente della Campania.

Tutto questo è avvenuto perché Conte non impugnò le ORDINANZE, ha una grossissima responsabilità.

Covid: Tar Campania, illegittime ordinanze De Luca su sospensione didattica Napoli.
Sono state considerate “illegittime” le ordinanze emesse nel tempo dal presidente della Regione Campania sulla dad.


Lo ha deciso il Tar Campania, che ha emesso ieri sentenza definitiva rispetto al ricorso presentato dal Codacons regionale contro le ordinanze del 16 gennaio e del 27 febbraio del 2021, con le quali veniva disposto, per l’intero territorio regionale, “la sospensione delle attività didattiche in presenza dei servizi educativi per l’infanzia e dei servizi per l’infanzia (sistema integrato 0-6 anni) nonché delle scuole di ogni ordine e grado”.
Il ricorso è stato presentato sulla spinta di un gruppo di genitori no-dad, a sostegno del quale hanno dedotto “plurimi profili di violazione di legge ed eccesso di potere, principalmente incentrati sulla sollevata obnubilazione dell’apicale principio di proporzionalità che, pur a fronte di un pericolo per la salute individuale e collettiva, indotto dall’emergenza Covid, avrebbe tuttavia imposto una attenta disamina preventiva degli effetti delle misure restrittive adottate, incidenti su minori e pregiudizievoli per la loro formazione complessiva in assenza di evidenti vantaggi e, sotto altro profilo, sul mancato apprestamento e/o individuazione di misure diverse meno impattanti su diritti fondamentali.