Ma veramente vogliamo credere e far credere che quello che si è bruciato sia opera di piromani fuori di testa che godono a veder ardere lecci, pioppi e macchia mediterranea?
Ma davvero vogliamo fare passare il messaggio che acchiappato il piromane a cui molti pensano che il taglio della testa possa poi fare il pari con i danni che ha provocato, sia tutto a posto ?
Non vi è venuto in mente che i danni incommensurabili che la natura ha subito, siano solo la copertura per liberarsi e bruciare ben altro?
 
Allora vi invito ad una riflessione facile.
Uno per tutti , ma di esempi del genere ogni territorio che ha preso fuoco potrà farne a decine.
Caserta il sito di rifiuti di Bellona si chiama Ilside ha subito già incendi precedenti, ieri ha preso fuoco nuovamente.
C’ é un processo in atto ed i proprietari sono stati già diffidati tre volte a liberare il deposito, ma non lo hanno fatto. (L’ Ilside era della ex Iacorossi i cui dipendenti furono assorbiti dalla partecipata regionale Campania Ambiente.)

Cosa ha preso fuoco? Di che rifiuti si tratta?
Plastiche, tante, scatole di vernice, e rifiuti speciali tanti, decine di tonnellate.
LE STIAMO RESPIRANDO
 
Perché non si è obbligato i proprietari a liberare il deposito prima?
Perché si consente ad avventurieri di gestire rifiuti pericolosi?
Perché non si controlla?
Chiediamocelo chi guadagna? Chi si favorisce?
 
Il fuoco boschivo ha danneggiato la fauna e la flora di luoghi bellissimi ma ai tanti focolai distribuiti sul territorio se ne sono aggiunti a decine; come in un tam tam i delinquenti hanno risposto subito, cogliendo a volo l’ occasione di sbarazzarsi di quello che sarebbe stato scomodo e costoso fare in maniera legale.
 
Se facciamo insieme questa riflessione capiremo perché non deve funzionare il controllo, perché i mezzi devono essere sempre pochi insufficienti e gli uomini mal pagati.
Bisogna lasciare campo libero perché chi ha da commettere illegalità, possa farlo senza che vi sia la possibilità di contrastare.
Piango per i lecci, per la macchia mediterranea per le ginestre per gli animali terrorizzati che popolavano i boschi.
Ma piango per il sistema criminale che non riusciamo a debellare, loro fanno le leggi e consentono tutto ciò.

IMPARIAMO DENUNCIARE, SMETTIAMOLA DI ESSERE COMPLICI CON IL SILENZIO DELL IGNAVIA.
E MANDIAMOLI A CASA TUTTI.
SALVIAMO LA TERRA E L’UOMO.
MANDIAMO A CASA QUESTI DELINQUENTI PER PIETÀ!